La storia di Suor Cathy, uccisa per aver taciuto dinnanzi agli abusi dei preti pedofili



Nata a Pittsburg, in Pennsylvania, Catherine Cesnik decise di prendere i voti in un ordine religioso dedicato all'insegnamento. Nel 1965 incominciò ad insegnare alla Archbishop Keough High School, una scuola cattolica non distante dal suo paese natio. Era amata da amici e dagli studenti, felice di poter fare ciò per cui si sentiva portata.
Il 7 novembre 1969 si recò al centro commerciale a compare un regalo a un suo familiare ma non fece più ritorno. Tutte le ricerche furono vane e solo 3 gennaio 1970 un cacciatore trovò il suo cadavere congelato gettato in un bosco. Al momento del decesso, Suor Cathy aveva solo 26 anni.
Le indagini non riuscirono ad identificare alcun responsabile e vennero archiviate. A riaprirle fu quanto accade nel 1994, quando Jean Wehner, una ex studentessa della Western, venne aiutata dal suo analista a ricostruire frammenti dimenticati del suo passato. Ricordò di come a 16 anni si fosse rivolta ai preti della scuola denunciare abusi subiti da bambina da parte dello zio, ma ricordò anche di come padre Joseph Maskell l'avesse violentata nel suo ufficio o di come padre Neil Magnus si fosse masturbato nel confessionale mentre lei gli rivelava le violenze subite. Nella sua mente riaffiorò anche il ricordo di padre Maskell che le mostrava il cadavere di Suor Cathy abbandonato nel bosco e le diceva: «Ecco che fine fa chi parla male degli altri».
Raccontò tutto alla polizia e testimoniò con uno pseudonimo che la potesse mettere al sicuro da possibili azioni violente potessero tentare di ridurla al silenzio per salvaguardere l'arcidiocesi di Baltimora. Altre vittime di abusi sessuali trovarono il coraggio di raccontare ciò che avevano subito e di confermare quei fatti. Si pensa che ad insabbiare il caso fu il riguardo con cui gli agenti trattarono Maskell, ai tempi cappellano della polizia della Contea di Baltimora, della Polizia di Stato del Maryland e della Guardia Nazionale del Maryland.
Ma anche le nuove indagini non ebbero reali conseguenze dato che la legge del Meryland prescrivono i casi di abusi sessuali se la denuncia non viene sporta entro tre anni dai fatti. Inoltre padre Magnus era morto già nel 1988 mentre reverendo Maskell, spogliato dall'abito talete dopo le denuncia, è morto nel 2001.
2 commenti