In Salento spunta un'altra casa vacanze che non accetta gay e chi «aderisce all'ideologia gender»



Dopo il caso della casa vacanze di Vibo Valentia che non accettava «gay e animali», una simile discriminazione viene segnalata in una struttura del Salento. Nell'annuncio pubblicato sulla piattaforma CasaVacanza.it, si legge che la casa di San Foca, vicino a Melendugno, in provincia di Lecce, prevede alcuni divieti:

Non si accettano persone sprovviste di idoneo documento di identità. Non si accettano persone che aderiscono alla ideologia “gender” e coppie omosessuali anche se unite con rito civile.

Il caso è stato segnalato da Arcigay ed il segretario nazionale, Gabriele Piazzoni, osserva: «È evidente che il prolungato vuoto normativo sull’omotransfobia in Italia sta producendo un fenomeno raccapricciante, una sorta di esibizionismo della discriminazione, forte di un'impunità garantita dalle leggi e dalla politica». «È indispensabile allora mettere in campo un intervento strutturale e normativo che escluda l'omotransfobia, così come tutte le discriminazioni e i razzismi, dall'esercizio di servizi destinati al pubblico, anche se messi in campo da privati».
Roberto De Mitry, presidente di Arcigay Salento, aggiunge: «La notizia dell'annuncio omofobo di una struttura turistica salentina ci indigna. Sarà proprio questa indignazione che porteremo nelle strade il prossimo 19 agosto a Gallipoli per il Salento Pride, la manifestazione che chiude la stagione dell'Onda Pride. Il nostro orgoglio sarà la rappresentazione palpabile della sconfitta di tutti questi omofobi».

Immagini: [1] [2]
1 commento